Prestito Inpdap Acquisto Casa

Prestito Inpdap per Acquisto Casa

Il prestito Inpdap per la casa è dedicato a tutti gli iscritti al Fondo Inpdap che necessitano di liquidità per la costruzione e /o l’acquisto della casa destinata alla residenza del nucleo familiare. Possono fare richiesta a questa forma di prestito tutti i pensionati o i lavoratori dipendenti iscritti al fondo che abbiano maturato almeno quattro anni di anzianità contributiva utili a conseguire qualunque tipo di trattamento di creditizio.

Il prestito Inpdap per l’acquisto o la costruzione di casa può essere richiesto direttamente all’Inpdap come prestito diretto o ad una società di mediazione creditizia convenzionata come prestito garantito.

La domanda per la concessione di prestiti per la casa deve essere fatta all’Amministrazione di appartenenza, per i dipendenti oppure direttamente all’Ufficio territoriale o provinciale per i pensionati compilando gli appositi modelli correlati di certificato medico attestante la sana costituzione fisica e la documentazione relativa alla casa, come tra gli altri l’atto notarile, o la concessione edilizia, l’autocertificazione dello stato di famiglia, il preventivo delle spese dei lavori e/o copie autenticate delle spese dei lavori effettuati, etc.

Il richiedente, beneficiario o coniuge dello stesso, potrà avanzare la richiesta di un importo pari al costo complessivo preventivato per l’acquisto o la costruzione della casa. L’importo massimo erogabile per un prestito per acquisto o costruzione di casa è stato fissato a 50000 euro.

Per quanto riguarda l’erogazione del prestito per l’acquisto di casa, la somma prestata verrà ovviamente liquidato con bonifico bancario o accredito sul conto postale del beneficiario.
Le tempistiche di erogazione possono variare proporzionalmente alla mole di richieste presentate allEnte.

A proposito di rimborso, invece, la somma prestata verrà restituita tramite trattenute dalla busta paga o dal cedolino pensionistico del richiedente in 120 rate scadenziate mensilmente e la prima trattenuta partirà dal secondo mese successivo alla liquidazione totale de prestito.

La rata trattenuta mensilmente sarà una rata fissa comprensiva di quota capitale, interessi e premio fondo rischi ed il suo importo sarà minore o pari al quinto cedibile della retribuzione o pensione netta mensile. Per rischi si intende il rischio vita ed il rischio impiego del beneficiario del prestito.

Il prestito Inpdap per la casa può essere richiesto anche in caso di calamità naturali come alluvioni e terremoti, per rapina, furto ed incendio e manutenzione ordinaria o per anticipata estinzione del mutuo ipotecario fino a 30.000 Euro circa, per trasloco dovuto ad esigenze di servizio, lavori condominiali o istallazione di impianti di energia rinnovabile per importi non superiori a 15.000 Euro circa.

E’ possibile richiedere inoltre il prestito Inpdap per la casa in occasione di riscatto di alloggi popolari o di enti pubblici, ma anche per l’acquisizione di unità abitativa in cooperativa o da cooperativa per somme che si aggirano ai 50.000 Euro circa. Ovviamente, anche in tutti questi casi, la domanda del prestito Inpdap, oltre ai moduli prestampati dovrà essere affiancata dalle copie autenticate delle spese sostenute.